Cambiamo genere

Posted by in Miei scritti

Oggi parte, con questa premessa, una nuova rubrica di satira politica sul blog. Avrà cadenza settimanale, se la pigrizia non mi seppellirà nuovamente.
Perché la satira? Beh, perché ormai non si può più discutere seriamente di politica. E perché la satira mi ispira molto. Purtroppo, per i ritmi vertiginosi che la politica ha assunto, la satira poco si adatta alle scritture destinate a restare impresse nel tempo. Parlerò di destra e di sinistra, per non incorrere nelle ire della par condicio. I protagonisti che ci racconterannno le storie della politica di oggi sono due anziani senza nome seduti su una panchina in un parco, dove leggono e commentano le notizie politiche. Eccoli:
  

 

Per cui, da oggi, questi due simpatici anziani avranno la loro rubrica qui nel blog, intitolata “Racconti satirici all’amatricianaâ€?. Loro leggeranno le cronache politiche sul giornale “La Gazzetta Ladra” e le commenteranno.Unità è la parola che si sente rimbombare continuamente a sinistra. Una unità fatta di tante particelle, o partitelli, o partituncoli. Insomma, sembra un adolescente brufoloso, la sinistra…ma tutti i brufoli, alla fin fine, sono attaccati allo stesso corpo…
Giorni fa mi è capitato di leggere, su un giornale che non esiste, una curiosa proposta di legge, avanzata da uno dei brufoli: i Verdi!
I brufoli Verdi, in questa proposta di legge, approvata con urgenza e all’unanimità (perché queste leggi che propongono l’istituzione di certi servizi non hanno colore, in quanto sono servizi per tutti), chiedevano che venisse istituito un parchetto dietro Montecitorio, che consentisse agli onorevoli di portare ognuno il suo partitino a fare i bisognini. Insomma, il Transatlantico ormai era inadeguato, diggiamocelo!
Così, dopo qualche giorno, tempo di istituire il parchetto, si cominciarono a vedere gli Onorevoli portare i loro partitini a fare i bisognini.
I cagnolini rossi, una miriade, avevano tutti due gambe: le gambe destre. E le gambe sinistre? Si erano scisse!
Qualche Onorevole chiedeva a qualche suo collega: “Ma che razza di partito ti sei fatto?�
E l’interrogato rispondeva: “E’ un “Barboâ€?…
“Ma non si chiamava Barboncino?�
“Sì, ma lo Ncino ha voluto fare una scissione, e si è incrociato con un altro partitino, e così ne è nata un’altra razza chiamata Ncinobarboâ€?.
“E dove sta passeggiando questo Ncinobarbo?�
“Sta sgomitando per posizionarsi a sinistra…ma lì c’è una ressa che Bertinotti l’ha scambiata per una manifestazione e ci si è buttato a capofitto!â€?
“Va beh, per fortuna che poi, ogni tanto, si ritrovano con fiducia tutti al canile…�
“Senti, mi hanno detto che presto avremo altri partitini con noi, a passeggiare, ne sai niente?�.
“Sì, ne ho sentito parlare anch’io: saranno Rifondazione DS dell’Onorevole Mussi, e Rifondazione CCDRI… (Che Cazzo Devo Rifondare, Io?) dell’Onorevole Angius, che stanno per fare due scissioni dai DS. Due partitini di razza bassotta…molto bassotta, pare! Una miniatura.
Sembra, poi, che Pierferdi Casotti abbia intenzione di scindersi per unirsi in Rifondazione DC, e Mastella vorrebbe rifondare le correnti. Follini ha un cazzo di cane…pardon, di partitino…che ancora è indecifrabile.
E’ un incrocio, rigorosamente senza semaforo, tra una balena bianca, un delfino di Craxi e un’altra non meglio specificata razza. In più, pare che Gianni Bellachioma voglia scindersi e formare il partitino di Rifondazione Socialista, che tenta di intruppare i partitini di Angius e Mussi. La Rosa vuole togliersi dal Pugno…così la rosa appassisce, e Boselli resta con un Pugno…di mosche! Ma i Pugnettari non desistono, e così hanno chiesto di far incrociare il loro partitino inserendo un annuncio su un sito on line per incontri: Pugnettari offresi per accoppiamento, solo a ben educati e di buona famiglia. Garanzia: siamo un buon partito. Sul nostro stemma ci metteremo Laica, la cagnetta morta nello spazio. Purtroppo
“Che bello! Tra un po’ avremo un sistema maggioritario bipolare…la legge elettorale sarà a turno prosecco e amatriciana! Copieremo un pezzo del modello tedesco, un pezzo del modello francese, inglese, irakeno e cileno, lo mixeremo e verrà fuori il nostro nuovo porcellum.�